Marcello Maloberti _ 9.06 30.09.2021

Marcello Maloberti _ opening 9.giugno 2021 dalle 18.00

Previous
Next

Marcello Maloberti

Platea deve il suo nome – che contiene un preciso intento programmatico – a una generosa concessione dell’artista Marcello Maloberti, lodigiano di nascita, che, nel fare dono all’Associazione di quello che avrebbe dovuto essere il titolo di una sua nuova performance, ha detto: “Platea è l’omaggio alla città. Il nome dello spazio sottolinea l’importanza del pubblico, disposto in una grande ‘platea’, che poi è la città di Lodi, ma anche, citando Harald Szeemann, la ‘platea’ dell’umanità. E per me, il pubblico è il mio corpo.” Da questo gesto si è sviluppato il progetto culturale votato al sostegno delle più giovani generazioni creative, attraverso la costruzione di collaborazioni con artisti affermati, chiamati in veste di “numi tutelari”, e con il coinvolgimento di gallerie d’arte contemporanea d’eccellenza. A inaugurare Platea | Palazzo Galeano, mercoledì 9 giugno 2021, sarà  Marcello Maloberti, con un progetto multiforme realizzato in collaborazione con la Galleria Raffaella Cortese. L’intervento comprende la grande installazione fotografica “Trionfo dell’Aurora” (2018) e una performance. Il tutto sarà anticipato da un manifesto – Martellata dedicato a Platea, che sarà collocato in tutte le vetrine del centro cittadino. Artista di fama internazionale, Marcello Maloberti è il “nume tutelare” del palinsesto espositivo d’esordio coordinato da Francesca Grossi, che si svilupperà successivamente attraverso gli interventi di quattro giovani artisti: Vittoria Viale, Giulio Locatelli, Silvia Berry, Vittoria Mazzonis. Ciascuno di loro presenterà per un mese un’opera originale, pensata appositamente per Platea, con l’obiettivo di instaurare un dialogo inatteso con tutti coloro che attraverseranno il centro cittadino. Con l’inizio di questa avventura, Platea | Palazzo Galeano si propone di dare impulso a un nuovo ecosistema relazionale in città, basato sulla condivisione di valori culturali ed estetici, invitando il pubblico e la cittadinanza alla partecipazione attraverso formule diverse di mecenatismo, al fine di rafforzare il senso di comunità e responsabilità civile.

BIO

Marcello Maloberti (Codogno, Lodi, 1966) è un artista visivo di base a Milano. È docente di cattedra di Arti Visive alla NABA – Nuova Accademia di Belle Arti, Milano. La sua ricerca trae ispirazione da aspetti propri delle realtà urbane più marginali e minime con particolare attenzione all’informità e alla precarietà del vissuto. La sua osservazione va oltre l’immediatezza della dimensione quotidiana, con uno sguardo neorealista straniante e onirico, combinato a un approccio archeologico alla storia dell’arte. Le performance e le grandi installazioni sonore e luminose, dal forte impatto teatrale, vengono realizzate sia in spazi privati che pubblici prediligendo sempre l’interazione con il pubblico. Questi interventi funzionano come narrazioni contratte, sono atmosfere da vivere ed esperire, temperature emotive da attraversare. Il corpo performante è quello della collettività, capace di produrre un dialogo tra la performance stessa e il suo pubblico. Negli ultimi anni Maloberti ha approfondito il binomio arte/vita utilizzando una coralità di linguaggi sia visivi che sonori – fotografia, video, performance, installazione, oggetti e collage – sempre attraversati e potenziati da una forte performatività. Marcello Maloberti ha esposto in numerose istituzioni pubbliche e private in Italia e all’estero, tra cui: Kestner Gesellschaft, Hannover (2021), Biennale Gherdëina, Ortisei (2020), MACRO, Roma (2020), Haus Wittgenstein, Wien (2019), MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma (2019), Stazione dell’arte, Ulassai (2019), Haus Wittgenstein–Bulgarisches Kulturinstitut, Vienna (2019), Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato (2018; 2000), Manifesta12 (2018), Eventi collaterali 5X5X5, Palermo (2018), MOCAK – Museum of contemporary art in Krakov (2017), Biennale di Pune, India (2017), Quadriennale di Roma (2016), Artissima Torino (2016), MuCem –Museo delle Civiltà d’Europa e del Mediterraneo, Marsiglia (2016), Galleria Raffaella Cortese, Milano (2020, 2018, 2014), Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli (TO) (2014), Padiglione Italia 55a Biennale di Venezia (2013), biennale: 4 – Thessaloniki Biennale, (2013), Fondazione Zegna, Trivello (BI) (2013), MAC VAL Museum, Vitry-sur-Seine, Francia (2012), MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma (2012), Frankfurter Kunstverein, Francoforte (2012), Triennale di Milano (2015; 2012), The 29th Biennial of Graphic Arts, Ljubljana (2011), Nuit Blanche, Paris, in collaboration with CAC Brétigny (2011), Generali Foundation, Vienna (2010), Royal Academy of Arts, London (2010), GAMeC − Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo (2009), PERFORMA 09, New York, (2009), Rotonda della Besana, Milano (2008), PAN | Palazzo delle Arti Napoli (2007), Spazio Oberdan, Milano (2007), Villa Manin − Centro d’Arte Contemporanea, Codroipo (UD) (2005), MUSEION – Museo d’arte contemporanea di Bolzano, Collection Lambert – Musée d’art contemporain Avignon, Palazzo Strozzi, Firenze (2005), PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea, Milano (2003), Premio FURLA, Venezia, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia (2002), SESC Pompeia, San Paolo, Brasile (2001), GAM – Galleria d’Arte Moderna, Bologna (2000).

marcellomaloberti.com

Marcello Maloberti, Trionfo dell’Aurora, Courtesy Galleria Raffaella Cortese

MAIN PARTNERS

PARTNER TECNICI